MXGP PORTOGALLO-AGUEDA ….RIASSUNTO

Jorge Prado

AGUEDA (Portogallo) 3 aprile 2022 – L’MXGP del Portogallo ha concluso il quarto round del Campionato Mondiale FIM Motocross dopo alcune intense battaglie in MXGP e MX2 che hanno visto Jorge Prado della Red Bull GasGas Factory Racing celebrare la sua prima vittoria assoluta della stagione, mentre Red Bull GasGas Factory Racing Tom Vialle della Bull KTM Factory Racing ha ottenuto due vittorie consecutive in GP nella MX2.

Nel frattempo, Brian Bogers della Standing Construct Husqvarna Factory Racing ha fatto girare la testa con la sua prestazione impressionante appena due settimane dopo la lussazione alla spalla e per finire, ha celebrato il suo primo podio MXGP e la prima trasferta ai box dal 2017 con il terzo posto assoluto.

 Nella prima manche MXGP, è stato Henry Jacobi di JM Honda Racing con la Fox Holeshot a guidare Prado, Glenn Coldenhoff di Monster Energy Yamaha Factory Racing, Bogers e Jeremy Seewer di Monster Energy Yamaha Factory Racing mentre Tim Gajser del Team HRC è stato schiacciato all’8° posto.

Bogers era alle calcagna di Coldenhoff fin dall’inizio e alla fine del terzo giro era davanti al pilota Yamaha. Ha poi fatto segnare il giro più veloce della gara, stabilendo un buon ritmo iniziando a chiudere il divario con Prado per primo.

Nel frattempo Gajser era sesto ma faticava a trovare un’opportunità per superare Pauls Jonass di Standing Construct Husqvarna Factory Racing. Lo sloveno ha impiegato un totale di sei giri per superare il lettone, ma una volta fatto, è stato tutto sparato quando ha superato Seewer al giro 13 e poi ha preso Coldenhoff al giro 14. Ha lottato duramente per avvicinarsi a Bogers, ma alla fine non è bastato.

Renaux stava disputando una gara costante al settimo posto, ma è caduto al giro 14 per tornare a casa all’11° posto dietro ad Alberto Forato dell’SM Action Racing Team YUASA Battery, Jeremy Van Horebeek di Beta SDM Corse e Calvin Vlaanderen di Gebben Van Venrooy Yamaha Racing che ha concluso ottavo.

Prado ha vinto la prima manche, quando Bogers ha tagliato il traguardo a soli 1.021 secondi dietro di lui, con Gajser terzo.

In gara due, quella volta è stato Prado con la Fox Holeshot, dato che Gajser ha ottenuto una partenza molto migliore al secondo posto davanti a Jonass, Coldenhoff e Seewer. Prado è stato veloce e stava facendo un buon lavoro per tenere a bada Gajser, che voleva non ripetere gli errori di gara uno.

Gajser ha poi segnato due giri veloci consecutivi salendo sulla ruota posteriore dello spagnolo. Quando hanno tagliato il traguardo per il sesto giro, c’erano solo 0,729 secondi che li separavano quando Gajser è stato in grado di tuffarsi all’interno del Prado e conquistare il primo posto.

Lo sloveno si è poi allontanato quando Coldenhoff ha spinto Jonass al terzo posto. Seewer era proprio lì al quinto posto con Bogers che si avvicinava di più.

Beaton ha iniziato la gara al sesto posto prima di essere catturato da Vlaanderen. Dietro di lui ha iniziato a formarsi un treno di Ruben Fernandez, Renaux e Forato della Honda 114 Motorsports, quando Renaux ha perso un posto contro Forato e in seguito è caduto. Alla fine è arrivato 11°.

Al 13° giro Coldenhoff ha finalmente superato Jonass quando Seewer ha perso due posizioni a favore di Bogers e Vlaanderen. Bogers ha poi continuato la sua carica in avanti e al 16° giro ha superato il suo compagno di squadra per il quarto posto.

Non è cambiato molto negli ultimi giri quando Gajser ha vinto la sua quarta gara della stagione, con Prado secondo e Coldenhoff terzo.

Un risultato di 1-2 ha consegnato a Prado la sua prima vittoria assoluta della stagione, poiché Gajser è arrivato secondo in area davanti a Bogers che era terzo. Dopo il quarto round, Gajser continua a guidare la classifica del Campionato MXGP con 186 punti, 21 davanti a Prado e Renaux che rimane terzo.

Jorge Prado: “È fantastico tornare in cima all’area. È dura, tutti vanno molto veloci e nelle prime gare fino ad ora per me è stato difficile guidare come me, sempre con molta pressione e non so perché. È passato molto tempo dall’ultima volta che ho vinto, quindi quando tutto va bene, sembra che tutto sia facile, le vittorie arrivano una dopo l’altra, ma una volta ottenuta la vittoria, penso che sia il posto perfetto per alleviare la pressione. E penso che questo fine settimana cambierà molto. È stata dura, soprattutto in Argentina, ma sono super felice di essere qui e di andare 1-2 per la generale. La seconda gara è stata dura, ma ho vinto il GP”.

Tim Gajser: “E’ stata una buona giornata. La prima gara non ho fatto un bel salto fuori dal cancello, quindi ero un po’ indietro e all’inizio faticavo a trovare delle buone linee. Poi, a circa dieci minuti dall’inizio della gara, sono riuscito a trovare delle belle linee e fare dei sorpassi, ma i primi due erano già in vantaggio abbastanza, quindi è stato davvero difficile chiuderli e superarli. Per la seconda ho fatto una partenza migliore, ero dietro a Jorge, ho provato a ritrovare le traiettorie e poi sono riuscito a fare un sorpasso e ho fatto due o tre giri veloci e controllarlo, quindi sono felice”.

Brian Bogers: “È fantastico. Voglio dire, sono senza parole ma la strada per qui è stata così difficile, anche dal 2018 quando mi sono rotto un piede, sono stato fuori per nove mesi e tornare qui è stato davvero difficile. Ma siamo tornati e mi sento bene, già le prime gare erano effettivamente buone e sta andando sempre meglio. Ora non vedo l’ora che arrivi il resto della stagione.

MXGP – Grand Prix Race 1 – Top 10 Classification: 1. Jorge Prado (ESP, GASGAS), 34:59.835; 2. Brian Bogers (NED, Husqvarna), +0:01.021; 3. Tim Gajser (SLO, Honda), +0:02.556; 4. Glenn Coldenhoff (NED, Yamaha), +0:15.088; 5. Jeremy Seewer (SUI, Yamaha), +0:15.906; 6. Ruben Fernandez (ESP, Honda), +0:16.694; 7. Pauls Jonass (LAT, Husqvarna), +0:18.114; 8. Calvin Vlaanderen (NED, Yamaha), +0:19.865; 9. Jeremy Van Horebeek (BEL, Beta), +0:22.798; 10. Alberto Forato (ITA, GASGAS), +0:24.339;

MXGP – Grand Prix Race 2 – Top 10 Classification: 1. Tim Gajser (SLO, Honda), 35:18.400; 2. Jorge Prado (ESP, GASGAS), +0:05.119; 3. Glenn Coldenhoff (NED, Yamaha), +0:05.980; 4. Brian Bogers (NED, Husqvarna), +0:11.416; 5. Pauls Jonass (LAT, Husqvarna), +0:14.562; 6. Calvin Vlaanderen (NED, Yamaha), +0:15.709; 7. Jeremy Seewer (SUI, Yamaha), +0:26.364; 8. Alberto Forato (ITA, GASGAS), +0:28.735; 9. Ruben Fernandez (ESP, Honda), +0:38.354; 10. Jeremy Van Horebeek (BEL, Beta), +0:45.595;

MXGP – GP Top 10 Classification: 1. Jorge Prado (ESP, GAS), 47 points; 2. Tim Gajser (SLO, HON), 45 p.; 3. Brian Bogers (NED, HUS), 40 p.; 4. Glenn Coldenhoff (NED, YAM), 38 p.; 5. Pauls Jonass (LAT, HUS), 30 p.; 6. Jeremy Seewer (SUI, YAM), 30 p.; 7. Calvin Vlaanderen (NED, YAM), 28 p.; 8. Ruben Fernandez (ESP, HON), 27 p.; 9. Alberto Forato (ITA, GAS), 24 p.; 10. Jeremy Van Horebeek (BEL, BET), 23 p.;

MXGP – World Championship Top 10 Classification: 1. Tim Gajser (SLO, HON), 186 points; 2. Jorge Prado (ESP, GAS), 165 p.; 3. Maxime Renaux (FRA, YAM), 144 p.; 4. Jeremy Seewer (SUI, YAM), 124 p.; 5. Glenn Coldenhoff (NED, YAM), 109 p.; 6. Ruben Fernandez (ESP, HON), 101 p.; 7. Jeremy Van Horebeek (BEL, BET), 99 p.; 8. Brian Bogers (NED, HUS), 97 p.; 9. Alberto Forato (ITA, GAS), 82 p.; 10. Thomas Kjer Olsen (DEN, KTM), 73 p.;

MXGP – Manufacturers Classification: 1. Honda, 186 points; 2. Yamaha, 169 p.; 3. GASGAS, 165 p.; 4. Husqvarna, 128 p.; 5. KTM, 100 p.; 6. Beta, 99 p.; 7. Kawasaki, 86 p.; 8. Suzuki, 10 p.; 9. Fantic, 3 p.;

Tom Vialle

Nella prima gara della MX2, Mikkel Haarup della Kawasaki Big Van World MTX e Mattia Guadagnini della Red Bull GasGas Factory Racing erano davanti, ma è stato Haarup a prendere la Fox Holeshot. Anche se Guadagnini ha condotto molto brevemente prima di cadere nella seconda curva con pochi altri piloti.

Haarup ha poi aperto la strada, mentre Vialle è stato preso da Andrea Adamo dell’SM Action Racing Team YUASA Battery. Geerts stava bene proprio dietro di loro fino a quando non si è schiantato alla grande ed è caduto per ultimo.

Vialle ha poi lavorato per ridurre il divario su Haarup. Anche se il danese non si sarebbe tirato indietro facilmente e ha continuato la battaglia per quattro giri prima che il francese riuscisse a trovare la sua strada in testa.

Conrad Mewse è poi arrivato terzo al giro successivo, mentre Geerts ha lottato per risalire l’ordine fino al 16°. Anche Haakon Fredriksen della Honda 114 Motorsports ha avuto un grosso incidente e non ha concluso la gara.

Un pilota da tenere d’occhio nella prima manche è stato Kay de Wolf di Nestaan ​​Husqvarna Factory Racing, partito intorno all’ottavo posto. Ha fatto dei bei sorpassi nei primi giri e ha continuato i suoi progressi sul campo prima di raggiungere Stephen Rubini del Team Ship to Cycle Honda al 10° giro e poi Adamo al 14° giro e infine Mewse al 16° giro.

Haarup ha lottato fino alla bandiera a scacchi, ma è stato Vialle a vincere, Haarup era secondo e de Wolf si è piazzato terzo. Geerts è tornato al nono posto dietro a Kevin Horgmo di F&H Kawasaki Racing.

In gara due, è stato Horgmo con la Fox Holeshot a guidare Hitachi KTM Fueled da Isak Gifting di Milwaukee, Haarup, Vialle, Geerts e Adamo. Quando Jeremy Sydow del Diga Procross KTM Racing Team si è schiantato nel primo giro.

Vialle è passato al secondo posto alla fine del giro, dato che anche Geerts ha ottenuto da Gifting. Il belga ha poi fatto segnare il giro più veloce della gara mentre Horgmo ha continuato a guidare.

Il norvegese ha condotto sette giri della gara, prima che Vialle fosse in grado di ridurre il suo vantaggio e portarsi al primo posto. Il regalo si è poi interrotto quando Geerts è passato al secondo posto. Horgmo è stato spinto al terzo posto ma aveva un comodo distacco da Haarup e de Wolf che erano dietro di lui.

Geerts però desiderava riscattarsi dopo l’incidente di gara uno, e al nono giro i suoi sforzi sono stati ripagati quando ha superato Vialle e ha iniziato ad allontanarsi.

Nelle fasi finali della gara Haarup ha inseguito Horgmo che ha visto a rischio la sua terza posizione, anche se, nonostante i migliori sforzi del danese, Horgmo è riuscito a tenere duro.

Geerts ha finito per vincere la gara davanti a Vialle, Horgmo, Haarup e Guadagnini.

Un risultato di 1-2 ha regalato a Vialle la vittoria assoluta, mentre Haarup ha festeggiato il suo secondo podio consecutivo salendo sul secondo gradino del box davanti a Geerts che è stato costretto ad accontentarsi del terzo posto del trofeo.

Anche se Geerts continua a guidare il campionato dopo quattro round ed è 16 punti di vantaggio su Vialle poiché Haarup occupa la terza posizione nella classifica del campionato.

Tom Vialle: “Ho avuto un sabato difficile, sono caduto nella gara di qualificazione ed ero 13° al cancello che era abbastanza lontano, e qui la partenza non è lunghissima. Prima gara, nei primi due giri era un po’ scivoloso, ma sono riuscito a vincere la gara e di questo sono stato contento. Seconda gara sono partito bene, il primo giro è stato davvero buono per me perché ho superato molti piloti e sono andato in testa. Jago mi ha superato e ho faticato per qualche giro, ma ero contento della seconda posizione, Jago stava guidando abbastanza bene e non volevo correre rischi per provare a spingere per vincere la seconda gara. Secondo GP vinto della stagione e sono felice per oggi.

Mikkel Haarup: “Abbiamo ottenuto la Fox Holeshot nella prima gara, ed è stata davvero bella, la prima della stagione. E poi sono stato in testa per un paio di giri, ma Tom mi ha superato e penso che in realtà sia stato abbastanza bello seguire e vedere com’era, perché era una situazione nuova per me, era la mia prima volta davanti in MX2 e ho imparato molto. Abbiamo iniziato a prendere ritmo alla fine della gara ma non siamo riusciti a prendere il sorpasso. Ma è stata grandiosa, la migliore gara per me finora in questa stagione e nella mia carriera. E poi la seconda gara, ho commesso un errore, non sono partito bene ma sono comunque riuscito a fare dei buoni sorpassi e ho raggiunto i primi tre ragazzi ma non sono riuscito a trovare il flusso per passare. Ma comunque sono stato contento della mia guida e del risultato, il migliore della mia carriera fino ad ora”.

Jago Geerts: “Sono davvero felice di aver guidato oggi. Nella prima gara, in atterraggio, il mio manubrio è scivolato e ho avuto una caduta piuttosto grande, quindi dovevo uscire da dietro e finire comunque in nona posizione, è stato un po’ di controllo dei danni. E poi nella seconda manche sono partito abbastanza bene e dopo un paio di giri ho trovato un buon flusso, sono riuscito a superare Tom e ho vinto la manche, quindi sono davvero contento della mia velocità e della seconda gara. Devo solo provare a fare la stessa cosa e continuare a lavorarci gara dopo gara”.

MX2 – Grand Prix Race 1 – Top 10 Classification: 1. Tom Vialle (FRA, KTM), 35:34.370; 2. Mikkel Haarup (DEN, Kawasaki), +0:01.422; 3. Kay de Wolf (NED, Husqvarna), +0:17.796; 4. Conrad Mewse (GBR, KTM), +0:18.771; 5. Andrea Adamo (ITA, GASGAS), +0:20.506; 6. Stephen Rubini (FRA, Honda), +0:23.784; 7. Thibault Benistant (FRA, Yamaha), +0:27.380; 8. Kevin Horgmo (NOR, Kawasaki), +0:27.952; 9. Jago Geerts (BEL, Yamaha), +0:34.855; 10. Jeremy Sydow (GER, KTM), +0:35.915;

MX2 – Grand Prix Race 2 – Top 10 Classification: 1. Jago Geerts (BEL, Yamaha), 35:26.631; 2. Tom Vialle (FRA, KTM), +0:05.476; 3. Kevin Horgmo (NOR, Kawasaki), +0:07.587; 4. Mikkel Haarup (DEN, Kawasaki), +0:10.050; 5. Mattia Guadagnini (ITA, GASGAS), +0:25.019; 6. Kay de Wolf (NED, Husqvarna), +0:28.370; 7. Andrea Adamo (ITA, GASGAS), +0:38.023; 8. Thibault Benistant (FRA, Yamaha), +0:41.595; 9. Simon Längenfelder (GER, GASGAS), +0:48.124; 10. Hakon Fredriksen (NOR, Honda), +1:00.551;

MX2 – GP Top 10 Classification: 1. Tom Vialle (FRA, KTM), 47 points; 2. Mikkel Haarup (DEN, KAW), 40 p.; 3. Jago Geerts (BEL, YAM), 37 p.; 4. Kay de Wolf (NED, HUS), 35 p.; 5. Kevin Horgmo (NOR, KAW), 33 p.; 6. Andrea Adamo (ITA, GAS), 30 p.; 7. Thibault Benistant (FRA, YAM), 27 p.; 8. Mattia Guadagnini (ITA, GAS), 25 p.; 9. Conrad Mewse (GBR, KTM), 25 p.; 10. Stephen Rubini (FRA, HON), 23 p.;

MX2 – World Championship Top 10 Classification: 1. Jago Geerts (BEL, YAM), 174 points; 2. Tom Vialle (FRA, KTM), 158 p.; 3. Mikkel Haarup (DEN, KAW), 132 p.; 4. Simon Längenfelder (GER, GAS), 130 p.; 5. Andrea Adamo (ITA, GAS), 115 p.; 6. Kay de Wolf (NED, HUS), 113 p.; 7. Kevin Horgmo (NOR, KAW), 111 p.; 8. Mattia Guadagnini (ITA, GAS), 106 p.; 9. Stephen Rubini (FRA, HON), 92 p.; 10. Conrad Mewse (GBR, KTM), 90 p.;

MX2 – Manufacturers Top Classification: 1. Yamaha, 176 points; 2. KTM, 174 p.; 3. GASGAS, 160 p.; 4. Kawasaki, 137 p.; 5. Husqvarna, 127 p.; 6. Honda, 106 p.;

(Visited 31 times, 1 visits today)

You might be interested in

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.